Salini Impregilo, view positiva con un occhio agli USA

Sono positive le valutazioni dei principali analisti nei confronti di Salini Impregilo. La società del settore cemento e costruzioni vede negli Stati Uniti delle prospettive di sviluppo interessanti per i prossimi anni alla luce delle recenti dichiarazioni del neo-presidente Trump, che ha definito prioritari gli investimenti per il rinnovo delle strutture esistenti e per nuovi progetti.

L’ambizioso programma di investimenti infrastrutturali in strade, ponti, tunnel, aeroporti, porti e ferrovie potrebbe rappresentare per il gruppo un’eccellente opportunità di crescita negli Stati Uniti grazie alle controllate americane Lane Industries Inc. e SA Healy. Naturalmente, tale ottimismo dovrà essere concretamente vagliato dalla possibilità di poter attingere concretamente a una quota dei maxi investimenti anticipati da Trump in campagna elettorale, e dovrà essere naturalmente messo alla prova dalla realtà dei fatti: non è infatti escluso che il neo-presidente statunitense possa rivedere in parte i suoi progetti di breve periodo e/o possa trovare qualche resistenza alla pronta applicazione dei propri progetti di sviluppo.

Ancora, ricordiamo che il gruppo Salini Impregilo in occasione dei positivi risultati dei primi 9 mesi ha confermato gli obiettivi di fine anno: fatturato 2016 superiore a 6,1 miliardi di euro, con un EBITDA margin stimato intorno al 9 per cento. L’indebitamento netto di fine anno, escludendo il finanziamento per l’acquisizione dell’americana Lane, è previsto in linea con quello di fine 2015. Nei primi 9 mesi dell’anno il Gruppo ha totalizzato 6,9 miliardi di euro di nuovi ordini, superando il livello di target previsto per l’intero 2016. Inoltre, Fitch ha portato l’outlook sul rating di Salini Impregilo a Positivo da Stabile. La decisione, spiega Fitch, riflette il miglioramento del profilo di business dell’azienda, il suo incremento dimensionale, la diversificazione, il rafforzamento negli Stati Uniti e il contesto di mercato favorevole, con un’accresciuta mole di investimenti nelle infrastrutture di trasporto.

Alla luce di quanto sopra, molto del futuro a breve termine di Salini Impregilo, e il conseguente rispetto dei piani aziendali, sembra pertanto dipendere dalle evoluzioni dei principali mercati e, in essi, di quello statunitense. Vedremo pertanto nel corso dei prossimi mesi quali saranno gli sviluppi su tale fronte, e se le aspettative sul maxi piano di investimenti Trump verranno o meno confermate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *