Fca produrrà Jeep in nuovo impianto brasiliano

Tags: , ,

Fca, la società creata dal gruppo Fiat, ha inaugurato in Brasile il maxi-impianto per Jeep Investimenti per 2,2 miliardi di euro nello stato di Pernambuco. Un investimento di particolare rilevanza e strategia, che rappresenta la seconda unità nel Paese sudamericano dopo lo storico impianto di Betim.

Stando a quanto ricostruisce la stampa sudamericana, l’inaugurazione è avvenuta con una cerimonia alla presenza dei vertici del gruppo – John Elkann e Sergio Marchionne – e della presidente brasiliana Dilma Rousseff. E, per confermare quanto sia importante il Brasile, e non solo in ottica commerciale e produttiva, sempre nel Paese sudamericano si è riunito il consiglio di amministrazione per l’approvazione del conto trimestrale 2015.

Stando a quanto comunicato dai vertici Fca, inizialmente l’impianto produrrà per il mercato sudamericano la Jeep Renegade (che esce già dallo stabilimento italiano di Melfi). Entro la fine del 2015, il complesso produttivo fornirà lavoro a 3.300 persone nella fabbrica Jeep, cui si aggiungeranno quasi 4.900 persone presso i fornitori e 850 nei servizi: un indotto occupazionale non certo sottovalutabile, con la costruzione dell’impianto di Pernambuco definita da Fca come “strategica per il piano di espansione internazionale del marchio Jeep” e in grado di rafforzare “la presenza di Fca in Brasile”.

Come sottolineato dal quotidiano Il Sole 24 Ore, l’inaugurazione dell’impianto arriva in un momento non certo facile per il mercato brasiliano e per Fca, con il gruppo olandese che è stato per anni leader nell’auto in Brasile, ma che nel primo trimestre di quest’anno ha però subìto un forte calo delle vendite (-29% contro il -16% del mercato), cedendo dunque la prima posizione nel mercato auto a General Motors (ad ogni modo, Fca resta invece leader se si comprendono anche i veicoli commerciali).

Quanto sopra non deve tuttavia far dimenticare che la società è riuscita a mantenere i conti in “nero, contrariamente alle maggiori concorrenti (sia sufficiente ricordare che Ford ha annunciato un rosso di 189 milioni di dollari per il 1° trimestre, Gm ne ha persi 214). La società è comunque particolarmente attiva nello strutturare nuove operazioni in Nord America, e nell’ipotizzare alcune strategie di ottimizzazione di capitale nel settore.

Detto ciò, considerata l’alternanza di buone notizie e di indiscrezioni da approfondire, sembra essere piuttosto certo che Fca sarà ancora una volta tra i massimi protagonisti del mercato auto globale nel corso delle prossime stagioni, e che potrà in tal modo contraddistinguere in misura significativa (e, forse, anche in ottica extra societaria) le future operations del comparto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *